Nuova Tradizione Kadampa

Calunnia: la NKT è un culto
Verità: La NKT non è un culto ma una tradizione buddhista Mahayana. La definizione di culto nel Dizionario Chambers è “ non ortodossia o falsa religione”. Poiché la NKT segue solo insegnamenti Mahayana del grande Maestro buddhista Atisha (982-1054 d.C.) e di Je Tsongkhapa (1357-1419 d.C.), che risalgono a Buddha Shakyamuni (500 a.C.) non è né falsa né non ortodossa. Le sue Regole Interne – che contengono numerose verifiche e bilanci su comportamento, elezione e dimissione degli di amministratori, insegnanti, e direttori spirituali – proteggono anche nei confronti di ogni comportamento estremo e sono legalmente vincolanti.

In Una Guida alla Disciplina Morale, le Regole Interne della Nuova Tradizione Kadampa – Unione Internazionale buddhista Kadampa §1, la Nuova Tradizione Kadampa è definita come segue:

“La Nuova Tradizione Kadampa – Unione Internazionale buddhista Kadampa è definita come l’unione dei Centri buddhisti Kadampa, l’associazione internazionale dei Centri di studio e meditazione che segue la pura tradizione del buddhismo Mahayana risalente ai meditatori e studiosi buddhisti Atisha (982-1054 d.C.) e Je Tsongkhapa (1357-1419 d.C.), introdotta in occidente dal maestro buddhista Venerabile Geshe Kelsang Gyatso Rinpoche, il fondatore della Nuova Tradizione Kadampa – Unione Internazionale buddhista Kadampa.”

Per quanto riguarda il comportamento simile a quello di un culto di cui la NKT è stata accusata di tanto in tanto, esamineremo ogni caso su questo sito. Se avete un sospetto di comportamento simile a culto setta in qualcuno dei Centri NKT, per favore scriveteci affinché possiamo verificare. Non abbiamo alcun desiderio di comportarci come una culto sotto nessun punto di vista.

In generale, un buon test per verificare se qualcosa è un culto è esaminare: “Ciò che mi viene insegnato ha lo scopo di prendere il controllo su di me o di aiutare me a prendere il controllo di me stesso? Il primo è un culto, il secondo è una tradizione buddhista. Nei Centri NKT nel mondo, gli studenti imparano come ottenere il controllo sulle loro menti e vite riducendo (attraverso la riduzione) delle menti negative (come la rabbia, la gelosia e l’ignoranza) e accrescendo le loro menti positive (come l’amore, la compassione e la saggezza).

Per quanto riguarda la storia per cui la NKT è arrivata ad essere descritta come designata una culto dai suoi detrattori, per favore esamina:

La storia della calunnia di “setta” riguardo la Nuova Tradizione Kadampa, Parte 1
La storia della calunnia di “setta” riguardo la Nuova Tradizione Kadampa, Parte 2
La storia della calunnia di “setta” riguardo la Nuova Tradizione Kadampa, Parte 3
La storia della calunnia di “setta” riguardo la Nuova Tradizione Kadampa, Parte 4
La storia della calunnia di “setta” riguardo la Nuova Tradizione Kadampa, Parte 5
********

Calunnia: la NKT è una setta
Verità: La NKT non è una setta perché noi rispettiamo tutte le religioni ed il diritto degli altri di scegliere ciò che vogliono praticare mentre noi pratichiamo gli insegnamenti della nostra
tradizione Mahayana.

La NKT studia e pratica la propria tradizione puramente ma rispetta sinceramente le altre tradizioni spirituali – questo punto è incluso nella Regola Interna 8§3 della NKT.

Il Settarismo è discriminare contro un’altra tradizione, religione o scuola. Questo implica essere bigotti o limitati mentalmente. Alcuni pensano che non essere settari significhi praticare tutte le tradizioni ma questo non è corretto. Significa avere rispetto per tutte le tradizioni e non criticarle. Vuol dire anche praticare tutti gli insegnamenti di una particolare tradizione spirituale, non preferire alcuni insegnamenti e rifiutarne altri. Questo problema che la NKT incontra, di essere emarginata in una “setta” contraria alla principale corrente buddhista, proviene dalle parole del Dalai Lama. Il Dalai Lama sta dicendo pubblicamente che la pratica di Dorje Shugden favorisce il settarismo, ma il paradosso è che egli impone illegittimamente una censura su quasi 400 anni di tradizione religiosa.

Da un’intervista con Donald Lopez Jr in Tricycle Magazine, Spring 1998:

LOPEZ : “Data la tua devozione a Dorje Shugden e la tua fondazione della Nuova Tradizione
Kadampa, senti che la visione di Je Tsongkhapa, la meditazione, e la pratica sia la più completa rispetto a tutto il buddhismo tibetano? È solo attraverso gli insegnamenti di Je Tsongkhapa che si può ottenere l’illuminazione? O è anche possibile attraverso la Nyingma o la Kagyu?”

GESHE KELSANG GYATSO RINPOCHE: “Certo! Certo che noi crediamo che ogni Nyigma e
Kagyugpa hanno abbia il suo completo sentiero. Non solo i Gelugpa. Io credo che i Nyingma abbiano un sentiero completo. Certo, i Kagyupa sono molto speciali. Noi apprezziamo molto l’esempio di Marpa e Milarepa (nel lignaggio Kagyu). Milarepa mostrò il miglior esempio della devozione al Guru. Sicuramente tanto i Kagyupa che i Nyingmapa e i Sakyupa hanno un sentiero completo all’illuminazione. Molti Nyingmapa e Kagyupa praticano molto sinceramente e non studiano solo intellettualmente. Penso che alcuni praticanti Gelugpa abbiano bisogno di seguire il loro esempio pratico. Ma non abbiamo bisogno di mischiare le nostre tradizioni. Ogni tradizione ha le proprie buone qualità peculiari, ed è importante non perderle. Ci dovremmo concentrare sulla nostra tradizione e mantenere le buone qualità della nostra tradizione, ma dovremmo sempre tenere buone relazioni l’uno con l’altro e non arguire discutere o criticare criticarci mai reciprocamente. Ciò che desidero richiedere è che dovremmo migliorare le nostre tradizioni mentre manteniamo buone relazioni l’un l’altro l’uno con l’altro.”
********

Calunnia: la NKT adora uno spirito
Verità: Non una singola persona nella NKT venera uno spirito. È superstizioso, frutto di mancanza di informazione e offensivo sostenere il contrario.

Alcune persone sostengono che gli studenti e gli insegnanti della NKT siano così stupidi da non sapere neanche di adorare uno spirito ma pensano di affidarsi a Buddha. Questo è un atteggiamento sia paternalistico che ignorante. Come in tutte le tradizioni buddhiste, gli oggetti di rifugio per i praticanti NKT sono Buddha, il Dharma che ha insegnato e il Sangha (la comunità spirituale) che segue quegli insegnamenti. All’inizio di tutti gli insegnamenti e delle sessioni di meditazione noi recitiamo la Preghiera Liberatrice, che è una lode a Buddha Shakyamuni scritta da Geshe Kelsang. Come buddhisti, non prendiamo mai rifugio in un altro oggetto che non siano i
Tre Gioielli di Buddha, Dharma e Sangha.

Come parte della loro pratica spirituale, i praticanti NKT si affidano al Protettore del Dharma Dorje Shugden – che è considerato come inseparabile dal Buddha della Saggezza Manjushri – per aiutarli ad ottenere realizzazioni degli insegnamenti del Sutra e del Tantra di Buddha. Il Dalai Lama ha rifiutato la visione dei suoi stessi maestri ed erroneamente ha detto che Dorje Shugden è uno spirito malefico. Tuttavia, quella è la sua opinione e ci sono molti Lama Gelug e Sakya e molti praticanti che sono vivamente in disaccordo con lui e molte prove valide che Dorje Shugden è un Buddha.

Le dichiarazioni del Dalai Lama su questo soggetto hanno creato la maggior parte della demonizzazione ed emarginazione degli studenti NKT che si trovano oggi nel mondo, ma sono motivate politicamente e non si basano su alcuna verità o alcuna esperienza da praticante. Maggiori informazioni su questa controversia e confutazioni scritti di scritti religiosi, storici e pratici delle opinioni del Dalai Lama si possono trovare qui: www.WisdomBuddhaDorjeShugden.org

Per una dettagliata storia accademica del Protettore Dorje Shugden basata sull’eredità
dei rituali, lavori storici e artistici, vedere per favore Dorje Shugden History.
********

Calunnia: la NKT ha creato uno scisma con il Dalai Lama
Verità: Alcune persone dicono che la NKT si sia separata dal Dalai Lama, ma il Dalai Lama è il leader politico dei tibetani in esilio e non il capo di una qualcuna delle quattro scuole del buddhismo tibetano né del buddhismo Mahayana in generale, così non c’è nulla da cui separarsi. Sebbene egli sia considerato la personificazione della religione e della politica come un Re Dio per molti nativi tibetani, non è il leader spirituale per tutti i Tibetani, nè per tutti i buddhisti Mahayana, né per la NKT.

Inoltre, un principio di tutto il buddhismo Mahayana è che i praticanti sono liberi di scegliere la loro Guida Spirituale o leader spirituale. Non c’è nessun Papa del buddhismo.

La NKT è una tradizione buddhista globale fondata da Geshe Kelsang e strutturata in conformità con i principi occidentali di elezione e organizzazione (vedere le Regole Interne, in special modo 2,4, 5, 6, 7, 8). Noi siamo una tradizione indipendente senza alcuna affiliazione politica (§3) o religiosa e il nostro Direttore Spirituale Generale è l’eletto capo della nostra tradizione (5§8), non il Dalai Lama. Al presente, il capo della nostra tradizione è Geshe Kelsang. Da quando si è ritirato nel 2009, il suo successore viene eletto su basi di principi democratici (5§10) e serve per un termine di quattro anni.
********

Calunnia: i praticanti NKT non sono veri Gelugpa
Verità: La verità è che i praticanti NKT sono proprio veri Gelugpa. Coloro che seguono esclusivamente gli insegnamenti di Je Tsongkhapa sono chiamati “Gelugpa”. La NKT è una pura tradizione Gelugpa perché (1) insegna esclusivamente la dottrina di Je Tsongkhapa, (2) i Guru del suo lignaggio da Je Tsongkhapa in poi sono esclusivamente Gelugpa, e (3) la formazione spirituale di Geshe Kelsang e del Guru radice (Trijang Rinpoche) sono all’interno della tradizione Gelugpa.

Nel 1988 Geshe Kelsang ha affermato in un’intervista:

“Noi siamo puri Gelugpa. Il nome Gelugpa non ha importanza, ma noi crediamo di
seguire la pura tradizione di Je Tsongkhapa. Stiamo studiando e praticando gli
insegnamenti di Lama Tsongkhapa e prendendo come nostro esempio ciò che gli antichi
Lama Kadampa e Geshe hanno fatto. Tutti i libri che ho scritto sono commentari agli
insegnamenti di Je Tsongkhapa. Facciamo del nostro meglio per seguire l’esempio
dell’antica tradizione Kadampa e usiamo il nome Kadampa per ricordare alle persone di
praticare puramente.”

La Gelug o “Tradizione Virtuosa” (conosciuta anche come tradizione “Ganden”) è stata fondata da Je Tsongkapa (1357-1419 d.C.), un’ emanazione del Buddha della Saggezza Manjushri. Come predetto dallo stesso Buddha Shakyamuni nel Tantra Radice di Manjushri, Je Tsongkhapa apparve in Tibet, la “Terra delle Nevi”, per ristabilire la purezza della dottrina di Buddha Shakyamuni fondando la tradizione “Ganden” (“Terra Gioiosa”).

Geshe Kelsang ha introdotto per primo il nome “Nuova Tradizione Kadampa” per dare ai Centri sotto la sua direzione spirituale, una distinta identità all’interno del più vasto mondo buddhista. Sebbene ai Gelugpa ci si riferisse a volte come ai “ Nuovi Kadampa” il nome “Nuova Tradizione Kadampa” non è stato mai usato precedentemente in un senso formale ufficiale. Non di meno, usando questo titolo, Geshe Kelsang sta chiarendo che i praticanti di questa tradizione stanno seguendo principalmente gli insegnamenti e l’esempio di Je Tsongkhapa. Il termine “Nuova” è usato non come implicazione del fatto non per suggerire che sia stato creato dal nuovo stata creata da poco o appena creata ma che è una presentazione fresca del Buddhadharma in una forma e un modo una modalità appropriate alle necessità e alle condizioni del mondo moderno. Inoltre, usando il titolo “Kadampa”, Geshe Kelsang incoraggia i suoi discepoli a seguire il perfetto esempio di semplicità e purezza di pratica mostrate da Atisha e dai Geshe Kadampa.

(1)La NKT insegna esclusivamente la dottrina di Je Tsongkhapa

Tutti i libri di Geshe Kelsang, che sono il cuore o nucleo dei tre programmi di studio della NKT, sono basati sui commentari di Je Tsongkhapa agli insegnamenti di Buddha Shakyamuni, Buddha Vajradhara e altri grandi Maestri buddhisti. Per esempio:

Libro di Geshe Kelsang / Testo di Je Tsongkhapa

Joyful Path of Good Fortune (Sentiero gioioso di buona fortuna) / Lamrim Chenmo (Grande esposizione degli stadi del sentiero all’illuminazione);
Universal Compassion (Compassione universale) / Raggi di sole dell’addestramento della mente (note compilate dagli studenti di Je Tsongkhapa);
How understanding the Mind (Come comprendere la mente) / Insegnamenti di Je Tsongkhapa sul commentario alla Cognizione valida di Dharmakirti;
Guide to Dakini Land (Guida alla Terra delle Dakini)/ Be dön kum säl (Illuminare tutti i significati nascosti);
Essence of Vajrayana (Essenza del Vajrayana) / Be dön kun säl (Illuminare tutti i significati nascosti) e commentario alla sadhana di Heruka, Dö jo (Wishfulfilling);
Clear light of Bliss (Chiara luce di beatitudine) / Lampada che illumina completamente i Cinque Stadi;
Tantric Grounds and Paths (Sentieri e terreni tantrici) / Grande esposizione degli stadi del Mantra Segreto;
Ocean of Nectar (Oceano di nettare) / Chiara illuminazione dell’intenzione: una spiegazione estesa del Grande trattato “Guida alla Via di Mezzo”.

I restanti libri di Geshe Kelsang provengono dal Lamrim di Je Tsongkhapa (stadi del sentiero) e dagli insegnamenti Lojong (addestrare la mente), dalle istruzioni del lignaggio orale Ganden trasmessi a lui dal suo Guru radice, dalla Scrittura Emanazione Kadam, e da “Guida al modo di vivere del Bodhisattva” di Shantideva. Mentre la presentazione degli insegnamenti è adattata alle persone di questo mondo moderno, il significato degli insegnamenti non è stato compromesso: gli insegnamenti sono uguali a quelli dati dallo stesso Je Tsongkhapa.

(2) I Guru del lignaggio della NKT da Je Tsongkhapa in poi sono esclusivamente Gelugpa
La NKT ha un lignaggio ininterrotto di maestri spirituali da Buddha Shakyamuni ai giorni nostri. C’è un puro lignaggio da Buddha a Je Tsongkhapa, e un puro lignaggio Gelugpa da Je Tsongkhapa a Geshe Kelsang Gyatso (vedere Great Treasury of Merit – Grande Tesoro di Merito pagg.99-100 [Tharpa Publications]) Il lignaggio mostra che il Buddhadharma praticato nella NKT è, in primo luogo, puro buddhismo poiché consiste negli insegnamenti di Buddha Shakyamuni; e in secondo luogo, puro Gelugpa poiché sono insegnamenti di Je Tsongkhapa.

(3) L’educazione spirituale di Geshe Kelsang e del Guru radice (Trijang Rinpoche) sono all’interno della tradizione Gelugpa

Geshe Kelsang ha ricevuto la sua educazione spirituale nella tradizione Gelugpa presso i Monasteri Jampa Ling e Sera, e principalmente dal suo Guru radice, il grande Maestro Gelugpa Kyabje Trijang Rinpoche, che era al contempo il Detentore del Trono (“Ganden Tripa”) della tradizione di Je Tsongkhapa. Oltre all’essere stato addestrato nella tradizione Gelugpa, Geshe Kelsang ha continuato a seguire la guida e l’esempio di Trijang Rinpoche dedicando la sua intera vita a promuovere la pura tradizione di Je Tsongkhapa, adattando con attenzione ognuno dei suoi scritti e insegnamenti agli insegnamenti di Je Tsongkhapa, e soprattutto restando lontanto dall’influenza di interessi mondani, agendo in tal modo in accordo con il significato degli insegnamenti di Buddha.
********

Calunnia: la NKT si è separata dalle principali tradizioni buddhiste tibetane, inclusi i Gelugpa
Verità: La NKT è una tradizione buddhista Mahayana con connessioni storiche con il Tibet, non che una tradizione tibetana. La ragione di ciò è che Geshe Kelsang desidera che i praticanti della NKT “presentino il Dharma in modo appropriato alla propria cultura e società senza la necessità di accettare il linguaggio e i costumi tibetani”. Per esempio, non recitiamo preghiere in tibetano, non pratichiamo l’affidamento a oracoli, non riconosciamo i Tulku (maestri reincarnati), non facciamo danze Lama, o usiamo ruote di preghiera, bandiere di preghiera, e così via, che derivano tutti dalla cultura tibetana. Non ci impegniamo in nessuna attività politica, inclusa la politica tibetana, come la campagna per la libertà del Tibet.

Quando il buddhismo si mosse dall’India in Tibet, il buddhismo Tibetano era un “gruppo frammentario” dalle principali tradizioni indiane? No, era un nuovo sviluppo degli insegnamenti di Buddha Shakyamuni in Tibet, e i suoi praticanti erano buddhisti tibetani (non indiani). Nello stesso modo, la NKT è un nuovo sviluppo degli insegnamenti di Buddha Shakyamuni nel mondo moderno e i praticanti NKT sono buddhisti di tutte le nazionalità (non tibetani o buddhisti tibetani).

La NKT segue la pura tradizione Gelug che è stata trasmessa da Je Tsongkhapa (1357- 1419 d.C.) e i cui insegnamenti sono riconducibili attraverso una linea di maestri del lignaggio allo stesso Buddha Shakyamuni. Perciò, il buddhismo Kadampa iniziò in India, passò un periodo in Tibet, e adesso sta fiorendo in occidente.

Non vi è alcuna contraddizione nel dichiarare di avere un puro lignaggio tibetano e nel separarsi completamente dall’establishment attuale in Tibet o da altri gruppi di Buddhismo tibetano, come invece alcune persone hanno suggerito. É possibile essere un buddhista discepolo del lignaggio di Je Tsongkhapa ma non essere un buddhista tibetano, così come un bambino nato in America da genitori emigrati dalla Russia può essere considerato americano ma non russo.

Chiunque pratichi le speciali spiegazioni di Je Tsongkhapa degli insegnamenti di Buddha in modo puro è un Gelupa, quindi la NKT è certamente una tradizione Gelupa. Nonostante ciò, la NKT è separata e differente dalle tradizioni Gelupa tibetane. Le sue preghiere e insegnamenti non sono in tibetano, non ha alcuna relazione con il Dalai Lama, non ha affiliazioni politiche, e la presentazione degli insegnamenti è occidentale. É Gelupa in termini di visione, pratica e comportamenti, non tanto in quanto facente parte dell’organizzazione Gelupa tibetana influenzata dalla politica.

La presentazione del Buddhismo Kadampa di Geshe Kelsang è un’incarnazione moderna dell’antica tradizione è tale presentazione è specialmente adatta agli occidentali e ai praticanti del mondo moderno. Prima della sua morte, il suo Guru radice Kyabje Trijang Rinpoche, consigliò Geshe Kelsang di insegnare in accordo con le necessità degli studenti occidentali. Quindi questa presentazione è stata studiata da Geshe Kelsang con il permesso e l’incoraggiamento di Trijang Rinpoche. A giudicare dal numero sempre maggiore di studenti Kadampa nel mondo, sta funzionando bene.

Per quanto riguarda le dichiarazioni che la NKT sarebbe un controverso NRM (Nuovo Movimento Religioso) derivante dal Buddhismo Tibetano, la NKT non è un “nuovo” movimento in termini di dottrina ma un’antica tradizione Mahayana la cui presentazione è stata adattata per il mondo moderno. Paradossalmente, la NKT viene descritta come “tradizionale” e “ortodossa” per la sua presentazione degli insegnamenti di Buddha, e allo stesso tempo accusata di essere un NRM per non essersi associata alle altre tradizioni.

La NKT non fa parte del Buddhismo Tibetano poichè si è separata dalla gerarchia tibetana come un’organizzazione indipendente. Questo fu fatto per non compromettere la purezza del Dharma, evitando che diventasse un miscuglio teocratico di religione e politica.

“Controversie” si sono sviluppate nelle cerchie del Buddhismo Tibetano a causa del disaccordo della NKT con il Dalai Lama negli anni ‘90 a causa del divieto da parte Sua di praticare un’antica e comune pratica religiosa tra i tibetani in esilio in India. Questo disaccordo è nato con l’intenzione di preservare la tradizionale pratica del protettore Dorje Shudgen, che è stata tramandata da insegnanti Gelug per generazioni.

In conclusione, è sotto molti punti di vista ironico che la NKT venga considerata una tradizione “separatista” quando in realtà essi seguono in modo fedele gli insegnamenti della loro Guida Spirituale, che a sua volta si è affidata agli insegnamenti della sua Guida Spirituale, e così via. Si potrebbe sostenere che la vera rottura è avvenuta con la decisione del Dalai Lama di abbandonare gli insegnamenti di Trijang Dorjechang, che è stato sia il suo Guru che il principale sostenitore della tradizione di Je Tsongkhapa della sua generazione.

Per altre informazioni, consultare Qual è la relazione tra la NKT e i praticanti tibetani di Dorje Shudgen.
********

Calunnia: la NKT non è accettata da molti altri gruppi buddhisti
Verità: Questa è la verità. Nei dieci anni passati gli studenti e i Centri della NKT hanno sperimentato migliaia di incidenti di critica e discriminazione da altri gruppi buddhisti, specialmente tibetani, nel mondo reale e su Internet.

Gli studenti e i maestri della NKT sono stati accusati di essere adoratori di spiriti malefici e settari, persino assassini e nazisti. Sono stati infastiditi, hanno sparato contro di loro e sono stati schiaffeggiati in strada, rinnegati da in altre organizzazioni buddhiste tibetane, è stato impedito loro di assistere o di ritornare nei Centri NKT, sono stati minacciati di persona o per telefono, hanno cancellato le loro classi, hanno vandalizzato i loro Centri, hanno distrutto o reso inutilizzabile la loro pubblicità. . Sono stati ostacolati dall’entrare in forum buddhisti online come E-Sangha.

La maggior parte di queste molestie provengono da persone fedeli al Dalai Lama, semplicemente perché siamo praticanti di Dorje Shugden o perché condannano la nostra opposizione al Dalai Lama alla censura di Dorje Shugden. A dispetto di tutto questo, ciò che è stato fatto ai praticanti NKT impallidisce di fronte alla persecuzione sofferta dai praticanti di Dorje Shugden in India, alcune delle quali sono documentate qui:

Western Shugden Society Official Site
Il Buddha della Saggezza Dorje Shugden – Perché il Dalai Lama sopprime la libertà
religiosa?

È contro i voti del Bodhisattva criticare altre tradizioni Mahayana, quindi perché questi buddhisti rompono i loro impegni? Sembra che principalmente sia perché si sentono giustificati in questo comportamento non buddhista dalle critiche e dalla persecuzione dei praticanti di Dorje Shugden da parte del Dalai Lama.
********

Calunnia: la NKT è una degenerazione del buddhismo
Verità: La NKT non è una degenerazione del buddhismo. Poiché la NKT segue interamente gli insegnamenti buddhisti Mahayana dei grandi Maestri buddhisti Atisha (982- 1054 d.C.) e Je Tsongkhapa (1357-1419 d.C.), che sono riconducibili allo stesso Buddha Shakyamuni (500 a.C.), non è nè falsa, né poco ortodossa, né una degenerazione.
********

Calunnia: la NKT è esclusiva e non inclusiva
Verità: La NKT promuove un sentiero tradizionale piuttosto che uno “esclusivo” – non diciamo mai che la nostra tradizione è la sola tradizione pura o che è migliore di un’altra.

Geshe Kelsang disse nel giugno del 2008:

“Nella NKT promuoviamo la visione di rispettare tanto tutte le altre tradizioni buddhiste quanto le altre religioni, e ci rallegriamo nelle loro attività virtuose e benefiche, ma non enfatizziamo lo studio di tutte, nello stesso modo in cui in un’università di scienze gli studi religiosi non vengono enfatizzati, oppure in una scuola di medicina l’architetta non fa parte del curriculum. Nondimeno mettiamo enfasi nel rispettare tutte le altre religioni, e se le persone lo desiderano possono anche studiarle.”

Secondo James Belither, precedente Segretario della Nuova Tradizione Kadampa:

“Considerando la posizione della NKT riguardo la tradizione tibetana in generale, Geshe Kelsang ha affermato in innumerevoli occasioni che apprezza profondamente tutte le quattro tradizioni tibetane, loda i maestri buddhisti di tutte le quattro scuole nei suoi libri, e insegna che tutte le quattro scuole forniscono un completo e valido sentiero all’illuminazione. In quasi 4,000 pagine dei suoi scritti non è contenuta una singola critica di qualcuna delle altre tradizioni spirituali, buddhiste o non buddhiste.”

Inoltre, la NKT non ha mai escluso coloro che hanno credi religiosi diversi dai suoi insegnamenti e attività. Questo è del tutto opposto alla FPMT, che ha, in effetti, una chiara politica segregazionista.
********

Calunnia: la NKT è fondamentalista
Verità: Questo non è vero. La definizione di fondamentalismo in Wikipedia è “impegno profondo e totale” in un credo, e una precisa adesione a una serie di principi basilari (spesso di natura religiosa), una reazione a percepire compromessi dottrinali con la vita sociale e politica moderna.

Il fondamentalismo, perciò, è aderire a una serie di principi come reazione alla percezione che nel mondo moderno sono stati fatti troppi compromessi con tali principi. Questo non si applica alla NKT. Come tutti i buddhisti, i praticanti NKT provano a praticare gli insegnamenti di Buddha come furono trasmessi in origine senza imporre la propria interpretazione e senza omettere alcunchè; tuttavia c’è una flessibilità nei Centri NKT nel mondo per trovare un compromesso con le norme della società se necessario per beneficiare gli altri, che è l’antitesi del fondamentalismo.

C’è un’espressione nel Buddhismo Kadampa: “Rimani naturale mentre cambi la tua aspirazione.” Un esempio di questa flessibilità è l’ordinazione NKT. I dieci impegni forniscono la flessibilità di funzionare nel mondo moderno – come essere capaci di sostenere se stessi avendo un lavoro, maneggiando denaro e incontrando liberamente altre persone per aiuto – ma forniscono anche le necessarie restrizioni da azioni non appropriate che Buddha insegnò nei Sutra per progredire nel sentiero spirituale. L’ordinazione NKT è alla lunga più adatta a vivere nel mondo moderno rispetto all’ordinazione tradizionale basata sul Vinaya. Sono i critici dell’ordinazione NKT ad essere fondamentalisti aderendo a una idea fissa di ordinazione che non possa cambiare con i tempi. Per loro, l’ordinazione NKT offre troppi compromessi con la vita moderna. Tuttavia, poiché Geshe Kelsang comprende il significato essenziale degli insegnamenti di Buddha, egli è in grado di fare cambi nella presentazione dove necessario senza compromettere ciò che Buddha insegnò o la forza dell’ordinazione monastica.

Ci sono molti altri esempi di flessibilità e di cambi alla presentazione del Buddhismo introdotti dalla NKT, come l’addestramento dei maestri buddhisti di ogni nazionalità per ogni paese, l’addestramento e la promozione di donne e uomini laici come maestri affiancati a monaci e monache, la traduzione di libri e preghiere nelle lingue moderne, nuove sadhane compilate sotto la compassionevole guida di Geshe Kelsang, l’uso di nuove melodie e di strumenti moderni nella musica che accompagna le puja, la composizione della Liberating Prayer (Preghiera Liberatrice) (una nuova lode a Buddha Shakyamuni), seguire il calendario solare diffuso in occidente invece del calendario lunare seguito dai tibetani. Queste e molte altre innovazioni distinguono la Nuova Tradizione Kadampa da altre tradizioni. Tuttavia, il significato essenziale degli insegnamenti di Buddha resta immutato. In questo modo, la NKT è sia flessibile che tradizionale nello stesso tempo, ma non è fondamentalista.
********
Calunnia: la NKT si oppone a Rime
Verità: “Rime” è un movimento “non settario” nel buddhismo tibetano. Anche la NKT non è settaria. Il vero significato di non settario, che la NKT segue, è di rispettare le altre tradizioni e di trattenersi dal criticarle.

Il Dalai Lama dice che per essere non settari dobbiamo ricevere e praticare gli insegnamenti di tutte le tradizioni del Buddhismo tibetano. Poiché la NKT non fa questo, è spesso criticata erroneamente come “settaria” e come opposta a Rime.

Come spiegato sopra, la NKT crede che il metodo più efficace per ottenere realizzazioni spirituali sia di praticare puramente una tradizione senza mischiare. Proprio come gli altri hanno il diritto di mischiare tradizioni se lo desiderano, e non dovrebbero essere criticati perché lo fanno, così noi abbiamo il diritto di praticare solo una tradizione senza essere criticati.

Praticando puramente una tradizione, la NKT non sta dicendo che è migliore delle altre tradizioni; solo che questo metodo funziona meglio per noi. Coma Mahayana che comprendono che gli esseri viventi hanno bisogno di essere aiutati in modi diversi in accordo con le loro diverse inclinazioni karmiche, non diciamo mai che siamo migliori e che le altre tradizioni sono inferiori. Piuttosto, rispettiamo e apprezziamo le altre tradizioni e evitiamo di criticarle. In questo modo, noi non siamo settari.

Come dice Geshe Kelsang in How to Understand the Mind (Come comprendere la mente):

“Ogni Maestro e ogni tradizione ha un approccio lievemente diverso e impiega metodi diversi. Le pratiche insegnate da un Maestro differiranno da quelle insegnate da un altro, e se proviamo a combinarle saremo confusi, svilupperemo dubbi, e perderemo la direzione. Se proviamo a creare una sintesi di tradizioni differenti distruggeremo lo speciale potere di ciascuna e resteremo solo con un infuso di nostra fabbricazione che sarà fonte di confusione e dubbio. Avendo scelto la nostra tradizione e le nostre pratiche quotidiane ci affideremo ad esse univocamente, non permettendo mai il sorgere dell’insoddisfazione. Nello stesso tempo poiché apprezziamo la nostra tradizione rispetteremo tutte le altre e il diritto di ciascun individuo di seguire la tradizione scelta. Questo approccio conduce all’armonia e alla tolleranza. Mischiare religioni differenti causa settarismo.”
(Geshe Kelsang Gyatso, How to Understand the Mind: una spiegazione della natura e delle funzioni della mente, pagg. 161-162, ©1993,1997,2002)

Tristemente, il Dalai Lama e alcuni membri della sua tradizione Rime non si trattengono dal criticarci. Non importa quanto liberali e tolleranti possano essere quando ricevono insegnamenti spirituali da molte diverse tradizioni e maestri, sono illiberali e intolleranti quando vengono dalla Nuova Tradizione Kadampa. Si potrebbe affermare che questo comportamento potrebbe essere considerato come settario e di conseguenza non-Rime.
********

Calunnia: la NKT afferma di essere l’unica tradizione di puro Dharma
Verità: Questo non è vero. Geshe Kelsang ha detto che il Dharma praticato nella NKT è puro perché proviene dagli insegnamenti di Je Tsongkhapa. Tuttavia, questo non significa dire che la NKT è la sola pura tradizione del Buddhismo o che le altre tradizioni non hanno il puro Dharma. Cos’è il puro Dharma? In accordo con la tradizione di Nalanda: “Il Dharma è puro se rivela l’intero sentiero che conduce all’illuminazione, presenta ciascun punto correttamente, ed è stato trasmesso in un lignaggio ininterrotto da Buddha Shakyamuni.”

Ogni tradizione del Buddhismo i cui insegnamenti possiedono queste caratteristiche ha puro Dharma, non solo la NKT.
********

Calunnia: la NKT sta sbagliando nel dimostrare contro il Dalai Lama
Verità: È la Western Shugden Society (WSS) che ha organizzato dimostrazioni contro il Dalai Lama, non la NKT. La WSS è una coalizione di praticanti di Dorje Shugden da molti Paesi diversi, inclusi più tibetani che occidentali.

Alcuni detrattori della NKT, specialmente Tenzin Peljor (vedi Dietro le Bugie), hanno creato websites e postato su blog per accusare che è la NKT ad organizzare dimostrazioni contro il Dalai Lama perché sono ci stati praticanti NKT preminenti e senior visibili alle dimostrazioni. Tuttavia, le persone che hanno partecipato alle dimostrazioni lo hanno fatto come praticanti individuali di Dorje Shugden, non come rappresentanti della NKT. Chiunque pratichi il Kadam Dharma è un praticante di Dorje Shugden così non sorprende che ci sia un gran numero di sostenitori Kadampa alle dimostrazioni.

Non sbagliano facendo ciò. Per le ragioni del perché i praticanti in ogni luogo si oppongono alla censura del Dalai Lama riguardo la pratica del loro Protettore e il tentativo di soppressione della loro tradizione religiosa, per favore vedere:
www.WesternShugdenSociety.org e
www.WisdomBuddhaDorjeShugden.org.
********

Calunnia: la NKT è stata criticata in molte pubblicazioni nel 1990
Verità: Questo è vero e ha causato un terribile danno alla reputazione della NKT. Tuttavia, persino i principali media possono avere pregiudizi e non essere accurati nelle loro cronache. Virtualmente tutta la cattiva stampa viene da false accuse diffuse dal Dalai Lama e dai suoi seguaci come rappresaglia per la continua pratica di Dorje Shugden della NKT e il suo coraggio nello stare in opposizione alla censura di questa pratica da parte del Dalai Lama.

Gli articoli in The Guardian, Indipendent e Newsweek apparsi in quel tempo furono tutti prevenuti in modo imbarazzante in favore del Dalai Lama e della Casa del Tibet, le ricerche furono svolte malamente, ed erano pieni delle stesse dannose affermazioni basate su una non provata assunzione che il Dalai Lama dovesse dire il vero. Sono stati rifiutati punto per punto a suo tempo. Tuttavia questi rifiuti e le lettere dell’editore (e degli avvocati) apparvero solo raramente su Internet, mentre gli articoli furono ripetuti all’infinito dai detrattori della NKT, data la rispettabilità fornita dal buon nome di queste pubblicazioni.

Per favore trova gli antefatti di questi tre articoli qui:

The Guardian ~ Shadow Boxing on the Path to Nirvana 9th July 1996 by Madeleine Bunting
The Independent ~ Battle of the Buddhists 15 July 1996 by Andrew Bunting
Newsweek ~ Cult Mystery? 28 April 1997 by Tony Clifton

Questa critica diffusa alla NKT iniziò nell’aprile del 1997 con la pubblicazione di un articolo ingiurioso del giornale Newsweek, in cui il Dalai lama e Robert Thurman diffamavano la NKT e alla NKT non fu permesso di difendersi. Ci sono molti esempi di questo articolo:

“Nel 1991, un monaco senior nominato Kelsang Gyatso stabilì un nuovo ordine Dorje Shugden in Inghilterra chiamato Nuova Tradizione Kadampa (NKT). La NKT fiorì subito promettendo ottenimenti spirituali in cambio di denaro – un indecente promessa che aiutò ad innescare un confronto con la cerchia del Dalai Lama.”

E un’altra citazione:

“I seguaci di Dorje Shugden credevano che il loro dio concedesse doni, e la NKT ha promosso pienamente e con successo Dorje Shugden in Europa. È un crescente settarismo in Inghilterra, dove ora ha circa 3,000 membri, una prosperosa attività editoriale a Londra e edifici che raddoppiano come “Centri del Dharma” in tutti il Paese. È stata anche denunciata dalla stampa di Londra e dal Dalai Lama come una setta che deruba i suoi seguaci. “Nessuno pregherebbe Buddha per buoni affari, ma loro vanno da Shugden per simili favori – e questo è diventato simile all’adorare spiriti,” Il Dalai Lama ha detto in NewsWeek. “Questo è un gran peccato — una tragedia.”

Queste bugie sulla NKT hanno una fonte: lo stesso Dalai Lama. Il Dalai Lama ha mentito ai media riguardo la NKT per indebolirci, nello stesso modo in cui ha provato ad indebolire la tradizione Kagyu nel diramare il Karmapa e la tradizione Gelugpa su Dorje Shugden.

Molti dei media occidentali nel passato si sono mostrati inclini a credere ciò che dice il Dalai Lama riguardo senza fare ricerche. Questo può essere perché egli fa parte dell’establishment e ha un nome famoso, una gigantesca macchina di pubbliche relazioni, lo status di celebrità e grande quantità di denaro. Quali che siano le ragioni, finora è stato molto difficile da parte della storia della NKT ricevere un chiaro ascolto.

Per maggiori dettagli, vedere:
The history of the New Kadampa Tradition’s ‘cult’ smear, Part 1
The history of the New Kadampa Tradition’s ‘cult’ smear, Part 2
The history of the New Kadampa Tradition’s ‘cult’ smear, Part 3
Vedere la risposta di Geshe Kelsang a Newsweek, False Accusations Against the Innocent
********
Calunnia: la NKT desidera danneggiare e distruggere il Dalai Lama
Verità: Questo non è vero. Il Dalai Lama non è nostro nemico. Danneggiare gli altri esseri viventi va contro gli insegnamenti di Buddha e contro ogni precetto nella tradizione Kadampa. I nostri unici nemici sono gli accecamenti nelle nostre menti, come l’ignoranza, la rabbia e l’attaccamento. I praticanti di Dorje Shugden così come la NKT stanno semplicemente chiedendo al Dalai Lama di smettere di danneggiare se stesso e gli altri sopprimendo la libertà religiosa. Non abbiamo mai espresso un singolo intento malevolo verso di lui. Gli chiediamo solo che pratichi ciò che predica (tolleranza, rispetto per le differenze, unità nella diversità, etc.) togliendo la censura sulla pratica di Dorje Shugden.

D’altro canto, Geshe Kelsang ha ricevuto molte lettere ingiuriose e minacce di morte da organizzazioni tibetane e da individui fin dal 1990. C’è un esempio di una lettera in cui chiede al governo tibetano in esilio di usare la sua autorità per fermarle,visto che sembrava che indirettamente esso fosse responsabile per le lettere.

Ufficio del HH il Dalai Lama,
Thekchen Choeling,
PO Mcleod Ganj,
Dharmasala 176 215,
Dist. Kangra, H.P.
India.
30 ottobre 1997

Cari signori,
Sto scrivendo per conto del Centro buddhista Manjushri, la casa di Geshe Kelsang Gyatso, il Direttore Spirituale di questo Centro e della Nuova Tradizione Kadampa (NKT).

Come sapete, Geshe Kelsang e i Centri della NKT si impegnano nella pratica del Protettore del Dharma Dorje Shugden. Nel 1996, in risposta a richieste di aiuto dai praticanti di Dorje Shugden in India, i praticanti inglesi parlarono contro la censura su questa pratica imposta da Sua Santità il Dalai lama. I praticanti di questo e di altri Centri fecero dimostrazioni pacifiche, inclusa una durante la visita di Sua Santità il Dalai Lama in Inghilterra nel giugno 1996.

Queste azioni furono fatte semplicemente per affermare il diritto fondamentale umano di libertà della pratica religiosa. Non c’era alcuna intenzione di impegnarsi in azioni politiche, né di minare il movimento per il Tibet libero. Né c’era alcuna minaccia alla sicurezza personale di Sua Santità il Dalai Lama o di chiunque altro.

Da quel momento il Centro Manjushri ha ricevuto molte lettere ingiuriose dai tibetani, lettere che contengono minacce implicite ed esplicite per danneggiare Geshe Kelsang, incluse dirette minacce di ucciderlo. Siamo estremamente preoccupati per queste minacce, e abbiamo trasmesso le lettere alla polizia.

Sappiamo che c’è molta cattiva informazione che snatura Geshe Kelsang e la NKT. Comprendiamo che le lettere minatorie sono state scritte da persone influenzate da questa cattiva informazione.

Geshe Kelsang non è il leader della Dorje Shugden Devotees Charitable & Religious Society in Delhi, e sebbene la NKT sostenga la loro aspirazione per il fondamentale diritto umano di libertà di pratica religiosa, non ci sono collegamenti ufficiali tra questa Società e la NKT.

È chiaro dall’identica espressione in molte lettere minatorie che queste sono state scritte come parte di una campagna organizzata nelle comunità tibetane, in India e altrove. Sebbene le lettere non vengano direttamente dal governo tibetano in Dharamsala, provengono tutte da organizzazioni tibetane sostenute dal governo tibetano, o da individui tibetani. Alcune lettere indicano che chi le ha scritte ha provato a fare pressione nel condividere questa campagna, e molte indicano che delle copie siano state inviate agli uffici del governo tibetano.

Ci hanno rivelato che l’Ufficio di Sua Santità il Dalai Lama in Dharamsala ha scritto ad ogni organizzazione tibetana criticando fortemente Geshe Kelsang e la NKT. Noi crediamo che in questo modo il governo tibetano abbia organizzato indirettamente la campagna di lettere ingiuriose. Per cui è chiaro che solo l’Ufficio di Sua Santità il Dalai Lama ha il potere di fermare questo flusso di lettere.

Per questa ragione, stiamo scrivendo per chiedervi di usare la vostra autorità e fare tutti i passi necessari per fermare le lettere, avvertendo il popolo tibetano responsabile di questo che le lettere sono state trasmesse alla polizia. Incoraggiamo la vostra pressione a tutte le organizzazioni tibetane e agli individui che non devono contemplare la violenza di nessun tipo verso Geshe Kelsang, la NKT o chiunque altro.

Vi assicuriamo che sebbene manteniamo visioni differenti da Sua Santità il Dalai Lama riguardo il Protettore del Dharma Dorje Shugden, noi stessi sicuramente rifiutiamo totalmente la violenza, rispettando sempre la legge e mantenendo attitudini di pace, armonia, tolleranza e rispetto. Per favore usate la vostra autorità per ristabilire l’armonia e il rispetto tra il popolo tibetano e la NKT.

Grazie per la vostra considerazione e assistenza in questa materia.
Sinceramente vostri,
AR Tyson, Direttore Amministrativo

cc: The Office of Tibet, London, UK
The Tibet Bureau, Geneva, Switzerland
The Office of Tibet, New York NY, USA
Thubten Jigme Norbu, Bloomington IN, USA
********

Calunnia: la NKT non ha immagini del Dalai Lama nei suoi Centri
Verità: Questo è vero, ma non c’è nulla di sbagliato in ciò. Non abbiamo immagini del Dalai Lama sui nostri altari perché non siamo buddhisti tibetani e il Dalai Lama non è il nostro leader spirituale. Non abbiamo sue immagini alle entrate e così via perché lui non è il nostro leader politico.

Come a questa situazione si è creata fu spiegato da Geshe Kelsang nel 1997 quando gli fu chiesto
perché l’immagine del Dalai Lama fosse stata rimossa dal Centro Manjushri:

“Lama Yeshe era il direttore spirituale generale del Centro Manjushri, mentre io avevo la responsabilità di organizzare i programmi quotidiani. Eravamo entrambi molto felici di avere l’immagine di Sua Santità il Dalai Lama sull’altare perché speravamo che le persone del Manjushri e il Dalai Lama sviluppassero una buona connessione spirituale e buona relazione. Molte volte abbiamo invitato il Dalai Lama a venire al Centro Manjushri, sebbene sapessimo entrambi che egli aveva rifiutato la pratica di Dorje Shugden. Assumevamo non fosse la sua vera intenzione perché trovavamo difficile credere che volesse realmente distruggere la pratica di Dorje Shugden.

Per lungo tempo abbiamo continuato a praticare Dorje Shugden e mantenuto la fede nel Dalai Lama. Quando più tardi la situazione si deteriorò perché lui intensificò la sua censura sul culto di Dorje Shugden ho udito che in pubblico lui aveva detto che coloro che praticano Dorje Shugden non sono miei amici. Quindi gradualmente la mia mente cambiò, specialmente appena ricevemmo critiche dalle persone che dicevano che il Centro Manjushri aveva interrotto la sua devozione al Guru Dalai Lama a causa della continua pratica di Dorje Shugden. Poiché la sua immagine era sul nostro altare, le persone credevano che egli fosse il nostro Guru radice – d’altro canto poiché praticavamo Dorje Shugden le persone pensavano che fossimo contro il Dalai Lama. A causa di questa contraddizione ricevemmo molte critiche. Allo scopo di risolvere questa contraddizione e di mostrare che il Dalai Lama non è il nostro Guru radice, abbiamo rimosse le sue immagini. Questo il motivo per cui siamo arrivati a rimuovere le immagini di Sua Santità il Dalai Lama.”
********

Calunnia: la NKT chiede ai suoi studenti di rifiutare il Dalai Lama (e le altre tradizioni)
Verità: Questo non è vero. Nessun Maestro della NKT ha mai chiesto ai suoi studenti di rifiutare il Dalai Lama o di rifiutare altre tradizioni. Noi non rifiutiamo il Dalai Lama; egli ha rifiutato noi! Ci ha pesantemente criticato in un articolo di Newsweek dieci anni fa e ha detto anche “Nessun praticante Shugden può essere mio amico”. Egli non permette che i praticanti di Dorje Shugden possano assistere ai suoi insegnamenti.

Geshe Kelsang dice spesso che chiunque ha scelta su cosa credere e praticare. Tuttavia, una volta che abbiamo scelto la nostra tradizione e la nostra Guida Spirituale, egli ci consiglia di affidarci a queste, continuando a rispettare ed apprezzare sempre le altre tradizione buddhiste e non.

In Great Treasury of Merit (Grande tesoro di merito), un commentario alla pratica dell’affidarsi a Guru Tsongkhapa, Geshe Kelsang spiega che affidarsi a una Guida Spirituale radice, praticando solo i suoi insegnamenti e affidarsi al suo Protettore del Dharma è il miglior modo per ottenere realizzazioni. Egli dice che non c’è nulla di fazioso in questo consiglio e che è dato solo per il nostro beneficio – se mischiamo le tradizioni, sorgono molti ostacoli e impiegheremo molto tempo a ottenere realizzazioni

Nello stesso libro, Geshe Kelsang consiglia anche che se vogliamo affidarci ad altri maestri, dovremmo affidarci a quelli con il medesimo lignaggio e visione della nostra Guida Spirituale radice. Questo ci consente di ricevere costantemente le benedizioni della nostra tradizione e fare rapidamente progresso spirituale.
********

Calunnia: Dorje Shugden è la pratica principale della NKT
Verità: Questo non è vero. Come per tutte le tradizioni buddhiste, la pratica principale della NKT è prendere rifugio nei Tre Gioielli di Buddha, Dharma e Sangha. Come per tutte le tradizioni buddhiste Mahayana, la pratica principale della NKT è anche generare la bodhicitta. Poiché i praticanti della NKT praticano anche il sentiero tantrico in accordo con le istruzioni di Je Tsongkhapa, noi ci affidiamo al Guru (la Guida Spirituale), allo Yidam (la personale divinità tantrica) e al Protettore allo scopo di esaudire il nostro desiderio di bodhicitta per ottenere l’illuminazione. Queste sono manifestazioni dei Tre Gioielli, come spiegato da Je Tsongkhapa.

Il nostro principale Protettore del Dharma è il Buddha della Saggezza Dorje Shugden. Ci affidiamo anche ad altri Protettori del Dharma come Palden Lhamo, Mahakala, Kinkara e Kalarupa.

Anche se affidarsi a Dorje Shugden è molto importante per coloro che stanno provando a difendere la pura tradizione di Je Tsongkhapa, e specialmente il lignaggio orale Ganden, questa non è la pratica principale della NKT.
********

Calunnia: la NKT è un ramo della FPMT
Verità: La NKT non è un ramo della FPMT. A Geshe Kelsang è stato chiesto di diventare Insegnante Residente dell’Istituto Manjushri nel 1977 non da Lama Yeshe o da Lama Zopa ma dal suo Maestro (e Maestro di Lama Yeshe), Kyabje Trijang Rinpoche.

Questo è stato reso pubblico sia da Geshe Kelsang che da Lama Zopa. La lettera diceva che lui e Lama Yeshe volevano entrambi Geshe Kelsang come Maestro ma Lama Yeshe sentiva che una richiesta avrebbe avuto successo solo se proveniva da Trijang Rinpoche. Geshe Kelsang disse più tardi che a quel tempo non sapeva dell’esistenza della FPMT e che stava rispondendo alla richiesta del suo Maestro.

La radice originale sia della FPMT che della NKT sono gli insegnamenti di Trijang Rinpoche perché egli fu il Maestro principale sia di Lama Yeshe, fondatore della FPMT, che di Geshe Kelsang. Qui è dove termina l’omogeneità. Se confrontate la presentazione degli insegnamenti di entrambe le tradizioni, e l’organizzazione interna e politica, sono del tutto differenti. La NKT non è un ramo di nessuna cosa ma una continuità della corrente principale della tradizione Gelugpa.

Parole di Geshe Kelsang, Santa Barbara USA, 2 febbraio 1996:

“Quando ero in India ho ricevuto un invito dall’Istituto Manjushri in Inghilterra attraverso Lama Yeshe, che era un mio intimo amico in Tibet. Lui ed io venivamo dallo stesso monastero in Tibet e avevamo avuto lo stesso Maestro. Egli mi scrisse chiedendomi per favore di andare in Inghilterra e di dare insegnamenti del Dharma. Ricevetti questo invito ma non risposi per due mesi. In quel tempo era difficile per me dire sì a causa di certi impegni presi con le persone tibetane, e pensavo anche: come avrei potuto insegnare non conoscendo la lingua inglese? Non ero sicuro. Lama Yeshe era molto astuto; visitò il mio Guru radice Kyabje Trijang Rinpoche, e gli chiese di mandarmi in Inghilterra ad insegnare il Dharma. Egli sapeva che se il mio Guru radice me lo avesse chiesto, sarei stato d’accordo ad andare.

Ricevetti una lettera da Kyabje Trijang Dorjechang nella quale diceva che avrei dovuto accettare questo invito di andare in Inghilterra per insegnare almeno tre soggetti – Guida al modo di vivere del Bodhisattva di Shantideva, Guida alla via di mezzo di Chandrakirti, e insegnamenti del Lamrim – e quindi sarei tornato in India. Volli vederlo per chiedergli se sarei stato in grado di beneficiare le persone e se ci sarebbero stato buoni risultati. Egli mi incoraggiò e fece molte previsioni di buoni risultati. Così fui molto felice e accettai. Nel 1977 arrivai all’Istituto Manjushri in Inghilterra. Era una grande vecchia casa con forse 10 o 15 residenti. Molto polverosa e sporca, e molto fredda. Per me era insolito.

Poco dopo iniziai ad insegnare Guida al modo di vivere del Bodhisattva, che richiese quasi un anno. Quindi diedi estesi insegnamenti Lamrim, e dopo insegnai Guida alla via di mezzo. Il tutto richiese circa tre anni per completare il mio impegno e fui molto felice dell’idea di tornare in India. Il mio Guru radice Trijang Rinpoche era lì ed era molto anziano; mia madre e molti miei amici spirituali erano lì. Lama Yeshe accettò il mio ritorno in India, così presto sarei tornato in India. Ma la comunità dell’Istituto Manjushri mi chiese fortemente di rimanere. Fecero molte promesse, dicendo che avrebbero praticato puramente, assumendosi la responsabilità riguardo qualsiasi cosa io volessi, e rispettando i miei desideri. Ognuno firmò una lettera chiedendomi di rimanere, e alcuni piansero. L’invito di Lama Yeshe era terminato ma ce ne era uno nuovo da parte della comunità, più ampia con forse 40 o 50 studenti. Ognuno firmò questo invito con molte promesse. Così accettai. Gradualmente divenni un suddito della Regina d’Inghilterra. Spero di diventare più tardi un suo ministro così potrei aiutare i tibetani ad ottenere la loro libertà! Sto scherzando. Questa è la mia storia.”
********

Calunnia: la NKT è isolata dalla più vasta comunità buddhista tibetana
Verità: Questo è vero. La ragione per cui gli studenti non sono bene accetti dalla comunità buddhista tibetana è perché sono praticanti di Dorje Shugden e il Dalai Lama ha detto:

“Coloro che praticano Dhogyal (Shugden) non possono essere miei amici.”

Seguendo la visione del Dalai Lama, i gruppi buddhisti tibetani come la FPMT e vari gruppi Kagyu e Nyingma hanno fatto ostracismo contro la NKT per dieci anni. Vedere la FPMT’s latest segregation policy. Il Dalai Lama non vuole avere niente a che fare con la NKT, non è la NKT a non desiderare di essere amica dell’ampia comunità buddhista tibetana.

Come disse uno studente NKT nel gennaio 2009 in risposta a una domanda posta da un critico della NKT:

Domanda: “Vorrei chiederti, come puoi evitare e perché dovresti evitare di praticare Dorje
Shugden se è presentato in modo integrale dalla NKT?”

Risposta: “L’ho evitata perché sono stato informato in modo attendibile che non posso assistere ad insegnamenti in certi altri Centri se pratico Dorje Shugden. Questo proviene dal “consiglio” e dalle istruzioni del Dalai Lama. Poiché non volevo essere un paria agli altri buddhisti, e mi sono associato a Centri nei quali questa pratica è vietata, come la FPMT, ho evitato di praticarla. Se i praticanti di Dorje Shugden non fossero stati ostracizzati e demonizzati da altri praticanti buddhisti, i seguaci del Dalai Lama, certamente la praticherei adesso.”

Clicca qui per alcuni estratti da una lettera scritta a Yeshe Sangye, un monaco senior FPMT e vicino discepolo di Lama Yeshe.

Vedere www.WesternShugdenSociety.org o
www.WisdomBuddhaDorjeShugden.org per maggiori informazioni.
********

Calunnia: la NKT mantiene volontariamente una distanza dalle altre tradizioni buddhiste
Verità: Questo non è vero. È vero invece che alcune altre tradizioni e unioni buddiste hanno rifiutato la NKT.

Seguendo la visione del Dalai Lama, altri gruppi buddhisti associati al Tibet ci hanno fatto ostracismo per dieci anni. È il Dalai Lama che non vuole avere nulla a che fare con noi, non la NKT che non desidera essere amica della comunità buddista tibetana.

Per esempio, come risultato delle recenti dimostrazioni legali e pacifiche, della Western Shugden Society (WSS), contro la censura del Dalai Lama su Dorje Shugden, il Network of Buddhist Organizations (NBO) ha minacciato di espellere la NKT dalla loro unione perché ci sono membri della NKT nella WSS.
********

Calunnia: la NKT pensa che tutte le altre tradizioni buddhiste vogliano danneggiarla
Verità: Questo non è vero. In generale abbiamo buone relazioni con altri buddhisti che non sono influenzati dalla politica del Dalai Lama e che non lo considerano come loro leader religioso e politico, per esempio i Buddhisti Theravada, iFriends of the Western Buddhist Order, e così via.

Tuttavia, c’è un’evidenza sostanziale di altre tradizioni buddhiste che, seguendo la politica e le parole del Dalai Lama, hanno iniziato a diffamare la NKT e a danneggiare la sua crescita. Abbiamo centinaia di testimoni, da insegnanti e praticanti NKT, i cui Centri e attività sono stati interrotti da, per esempio, la FPMT.

Uno dei cinque studi legali anti diffamazione più importanti ha investigato recentemente la NKT e tutte le diffamazioni contro di noi su Internet e concluso che: “La NKT è un’organizzazione internazionale rispettabile la cui reputazione è stata seriamente diffamata.”

Si dovrebbe notare anche che non tutti i gruppi tibetani si oppongono a noi, in nessun modo. Ci sono molti buddhisti tibetani che si affidano a Je Tsongkhapa e agli insegnamenti del lignaggio di Trijang Rinpoche, e al Protettore del Dharma Dorje Shugden in India, in Tibet e in occidente che apprezzano altamente la NKT. Ci sono anche vari gruppi buddhisti tibetani che hanno i loro problemi con il Dalai Lama, che non salgono sul carro del vincitore che condanna la NKT per continuare ad affidarsi a Dorje Shugden, dimostrando che i praticanti di Dorje Shugden sfidano la censura del Dalai Lama